Indirizzo: Piazza Cardelli, 4 00186 - Roma     Telefono: 066840341     Fax: 066873720     Email: upi@messaggipec.it    

Codice Appalti: la Provincia di Modena ospita un convegno UPI

In discussione le possibili modifiche e come ridurre le stazioni appaltanti

Le Province al servizio dei Comuni, News    4/10/2018

“Il Codice degli appalti, a due anni dall’introduzione, può essere adeguato e aggiornato ma l’impianto complessivo ha bisogno di stabilità avendo fornito finora risultati positivi sia nella gestione degli appalti pubblici che nel contrasto della corruzione”.

Lo ha affermato Ida Angela Nicotra, componente del Consiglio dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), concludendo il convegno che si è svolto mercoledì 3 ottobre al Museo Enzo Ferrari di Modena sulle novità e gli effetti del Codice degli appalti pubblici, introdotto nel 2016.

L’iniziativa è stata organizzata dall’Upi (Unione Province d’Italia), in collaborazione con la Provincia di Modena.

«Occorre – ha aggiunto Nicotra – completare i provvedimenti attuativi previsti nel Codice, in particolare sulla qualificazione delle stazioni appaltanti che sono oltre 30 mila, ancora troppe. Inoltre l’esperienza di questi due anni ha suggerito alcune possibili modifiche, come la semplificazione negli appalti di modeste entità o la reintroduzione dell’appalto integrato. I controlli dell’Anac contribuiscono a evitare criticità e prevenire i fenomeni corruttivi».

Nel corso del convegno, dopo i saluti di Maria Costi, vicepresidente della Provincia di Modena, e  Maria Patrizia Paba, prefetto di Modena, sono intervenuti Gianpiero Paolo Cirillo, presidente di sezione del Consiglio di Stato che si è concentrato sulla partecipazione delle piccole e medie imprese; poi i magistrati della Corte dei conti Stefano Glinianski, che ha parlato della legittimità degli atti negli appalti pubblici, e Tiziano Tessaro che ha approfondito il tema dell’accesso civico; infine gli avvocati Michele Lombardo, Stefano Calvetti e Antonio Giacalone hanno parlato, tra l’altro, delle novità sui temi connessi con la concorrenza e il partenariato pubblico-privato.

Di fronte a una platea composta da avvocati, rappresentanti degli enti pubblici e delle imprese, sono stati analizzati lo stato di applicazione e l’impatto delle nuove disposizioni sul mercato, sulla concorrenza e sul contrasto alla corruzione, in relazione anche alle nuove linee guida dell’Anac e su come il nuovo Codice ha inciso sulla gestione degli appalti delle opere pubbliche e degli acquisti da parte degli enti e di conseguenza sugli operatori economici.

 



Redattore: Ufficio Stampa Provincia di Modena
Torna all'inizio dei contenuti