Indirizzo: Piazza Cardelli, 4 00186 - Roma     Telefono: 066840341     Fax: 066873720     Email: upi@messaggipec.it    

Dichiarazione dell’Assessore Vincenzo Vita.

Dichiarazione dell'Assessore Vincenzo Vita.

News    19/11/2003

“Favorire la massima diffusione della conoscenza e dell’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, individuando nella Provincia di Roma un punto di riferimento a livello nazionale”.

E’ questo l’obiettivo, secondo l’assessore provinciale alla Cultura e Comunicazione della Provincia di Roma, Vincenzo Vita, del nuovo portale interattivo delle Province italiane, presentato questa mattina all’ex sala stampa del Giubileo, in un convegno organizzato dall’Unione Province Italiane (Upi) e ospitato dall’Amministrazione di Palazzo Valentini.

“Spesso si confonde l’e-Government con la tecnologia – ha spiegato l’assessore Vita – in realtà è un processo  democratico aperto al libero accesso di tutti. Proprio per favorire l’uso di internet, l’Amministrazione provinciale, recependo l’impegno preso dal Presidente Gasbarra con i cittadini, vuole promuovere lo sviluppo di infrastrutture di rete (cavi, wireless, satellite,) adeguate a portare entro il 2006 la “banda larga” in tutti i 121 comuni che fanno parte del territorio dell’ente. Inoltre, Palazzo Valentini sta lavorando per l’alfabetizzazione informatica  e tecnologica così da favorire l’uso della firma digitale, con speciale attenzione ai giovani e agli anziani attraverso l’uso di 11 aule di informatica: nove fisse e due mobili. Infine, siamo impegnati nel free software in modo da attrezzare la struttura informatica interna della Provincia: risviluppo dei software in ambiente web, reti interne e cablaggio, installazione di 2000 computer di cui 1000 in rete. Tutto questo si traduce in vantaggi concreti per i cittadini in termini di trasparenza, semplificazione burocratica, risparmio di tempo”. 

“Si tratta di obiettivi ambiziosi – conclude l’assessore Vincenzo Vita – che per essere realizzati richiedono una convergenza di impegni da parte di tutte le amministrazioni pubbliche: Comuni, Province, Regioni e Stato centrale. Non possiamo certo dividerci per ragioni di bandiera o di colore politico, sulle scelte fondamentali per lo sviluppo del Paese e per il futuro dei nostri figli”.



Redattore: Barbara Perluigi
Torna all'inizio dei contenuti