Indirizzo: Piazza Cardelli, 4 00186 - Roma     Telefono: 066840341     Fax: 066873720     Email: upi@messaggipec.it    

Provincia di Vicenza: gli alunni degli istituti comprensivi a lezione di “legalità fiscale” dai commercialisti

News    4/04/2022

Parlare di tasse ai bambini si può. Lo dimostrano i commercialisti con l’iniziativa “Tasse?! Ce le racconta il commercialista” già in corso con ottimi risultati nelle scuole elementari della provincia di Vicenza.

Il progetto è stato presentato questa mattina dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Vicenza, in particolare dalla presidente Margherita Monti e dalla consigliera Alessia Danese. Con loro anche il presidente della Provincia di Vicenza Francesco Rucco e la Provveditore agli Studi di Vicenza Nicoletta Morbioli, entrambi sostenitori e patrocinatori del progetto.

Obiettivo è far comprendere agli alunni, i cittadini di domani, il concetto di legalità fiscale e di senso civico con un nuovo approccio culturale, attraverso uno strumento facilmente accessibile, un cartoon, che stimola negli studenti la riflessione e l’elaborazione dei concetti di legalità, di solidarietà e del ruolo centrale dello Stato.

Per l’iniziativa è stato appositamente realizzato il racconto-fumetto “Tasse?! Ce le racconta il commercialista”: 25 tavole che possono essere visualizzate sia come filmato, sia come singole immagini e che evidenziano l’importanza dei servizi erogati dallo Stato grazie al pagamento delle tasse.  Il termine “tasse” è utilizzato in luogo dei termini “imposte o tributi”, per esigenze di semplificazione.

All’interno del racconto è fortemente valorizzato il concetto della solidarietà sociale. Il fumetto viene illustrato nelle classi dai commercialisti volontari, che stimolano gli studenti al dibattito anche sui temi della legalità: gli alunni diventeranno così i protagonisti di un importante momento sinergico di formazione alla legalità fiscale, al senso di appartenenza alla comunità sociale e all’importanza dei servizi erogati dallo Stato grazie al pagamento delle tasse: dall’istruzione all’assistenza sanitaria, dalla sicurezza ai trasporti, per spiegare come i servizi pubblici, di cui anche i ragazzi usufruiscono, funzionano grazie al “salvadanaio” dello Stato, a cui è giusto contribuire.

Una particolare attenzione è stata posta alla platea: i 44 commercialisti vicentini che hanno aderito al progetto, per fare parte del gruppo di volontari, hanno partecipato ad un percorso formativo specifico. I commercialisti hanno già formato 18 classi di 5 Istituti Comprensivi (I.C. Lonigo Almisano – I.C. Lonigo Madonna – I.C. Villaverla – I.C. Vicenza 2 – I.C. Vicenza 5), con il coinvolgimento di 9 plessi e 253 alunni che hanno assistito alle lezioni nel mese di marzo e che saliranno a 380 con le lezioni programmate nel mese di aprile.

L’iniziativa, attraverso la diffusione di un approccio culturale positivo verso la fiscalità e più in generale verso la legalità, si pone l’implicito obiettivo di contribuire a combattere l’evasione fiscale. Il punto nodale su cui si sviluppa l’intero lavoro è quello di diffondere nella popolazione, in particolare nei giovani, la consapevolezza dei benefici, in termini di servizi pubblici, che derivano dal pagare le tasse.

“Da oggi gli studenti vicentini possono andare a lezione di fiscalità anche divertendosi -ha dichiarato la presidente Monti– per apprendere l’importanza sociale delle tasse, il grande valore della legalità fiscale e il ruolo delle istituzioni e dello Stato, garanti del consorzio sociale. L’universo delle tasse spesso risulta incomprensibile agli adulti, figuriamoci  ai ragazzi, per questo motivo è fondamentale stimolarne nei giovani la consapevolezza, perché la tutela della legalità, il rafforzamento del senso civico ed il rispetto dei beni comuni sono i valori fondanti del vivere in comunità.”

“I bambini assimilano con curiosità ed entusiasmo -ha affermato il presidente Rucco– e spesso sono loro che, tornati a casa, si fanno garanti in famiglia di quanto appreso a scuola. Succede con l’educazione ambientale e il corretto conferimento dei rifiuti, e ci auguriamo succeda anche con l’educazione civica e l’obbligo di contribuire alla finanza pubblica. Per questo come Provincia ci facciamo promotori di questo progetto nei Comuni e, attraverso loro, nelle scuole primarie.”

Con l’augurio, ha concluso la dirigente Morbioli, che l’iniziativa venga proposta anche per gli studenti più grandi, fino alle superiori, dove è ancora più forte l’esigenza di formare una coscienza sociale visto l’approssimarsi del diritto di voto e, più in generale, dell’impegno civile e sociale.



Redattore: Ufficio stampa Provincia Vicenza
Torna all'inizio dei contenuti